Sunday, October 23, 2005

CHI ERA KARL MARX


Non c'è chi non veda la perfetta coincidenza, con settant'anni di anticipo sul Manifesto di Marx, con gli enunciati del socialismo(1), fautore di una società laicista e libertaria in cui l'individuo, ridotto a entità anonima e spersonalizzata, si fonde panteitisticamente nel collettivo, senza alcuna responsabilità verso se stesso e gli altri(2).

Uno storico americano di grande fama, Gary Allen, osserva in proposito:

"Karl Marx fu cooptato da un gruppo misterioso che si chiamava la Lega degli Uomini Giusti, per redigere il Manifesto Comunista come acchiappacitrulli destinato a sedurre la popolazione[...].
Tutto ciò che Marx ha veramente fatto è stato di adeguare al gusto del tempo e di codificare esattamente il programma e i prìincipi rivoluzionari stabiliti settant'anni prima da Adam Weisshaupt, il fondatore degli Illuminati di Baviera.

E'fatto scontato e ben riconosciuto dagli specialisti di tali problemi che la Lega degli Uomini Giusti non era che un succedaneo dell'Illuminatismo, costretto a scomparire nella clandestinità dopo essere stato smascherato dall'irruzione della polizia bavarese nel1786(3)"
----
1) cfr. Igor Safarevic, Il Socialismo come fenomeno storico mondiale, Milano, Ed. La Casa di Matriona, 1980, pp.261-69;
2)Epiphanius, Massoneria e Sette Segrete-la faccia occulta della storia, Ed.Ichtys, Roma 2002, p.97;
3)Gary Allen, None Dare Call It Conspiracy, Seal Beach, California, Concord Press, 1971, pp.25-26.
-----
kla

6 Comments:

Blogger avventore said...

Alcune cosi dette teorie della cospirazione affermano che i popoli occidentali, finchè stavano i mano all'aristrocazia e alla nobiltà, mai avrebbero potuto essere cooptati in un sistema basato sull'economia e la finanza.
PEr accentrare questo potere nelle proprie mani e gestirlo liberamente, era necessario abbattere la gerarchia sociale preesistente - basata su istanze territoriali protezionistiche e localizzate - e sostituirla con una nuova elite di finanzieri capace di influenza sovra regionale.
L'economia politica sembra essere perciò una elaborazione tecnica e ideologica finalizzata a questo avvicendamento di gruppi di potere.

6:19 AM  
Anonymous Anonymous said...

ma le trofie?

2:43 PM  
Blogger KLA said...

ahahah le trofie, troppo buone guagliò, è che il tizio(chi???)a cui le stavo preparando era un pò scettico, poi s'è convertito al culto genovese delle trofie!
w le trofie!

CLA

12:35 PM  
Anonymous Anonymous said...

This comment has been removed by a blog administrator.

3:43 PM  
Anonymous Anonymous said...

Hei, testa di merda... sempre a farti seghe?
Guarda che diventi cieco!

Cresci, coglione, che stai invecchiando senza saper fare un cazzo, oltre al copincolla.

E dai una ripulita al tuo blogghino di merda, forza!

Tuo cugino

11:42 AM  
Blogger vajmax said...

Beh... È noto che Marx si scopava le donne delle pulizie a raffica, e questo non gioca a suo favore. Quando ero, da ragazzo, un anarchico, lessi tutti i volumi del Capitale scoprendo, con somma e costernata meraviglia, che nessuno tra le decine di marxisti militanti che conoscevo, ne sapeva qualcosa oltre le solite tre righe intercalate da: "dal momento in cui". Stupefacente l'animo umano quando si specializza nell'unica cosa che gli riesce bene: l'inettitudine che ignora le altre possibilità inerenti all'esserci.

1:14 AM  

Post a Comment

<< Home