Thursday, October 27, 2005

"CANCELLARE ISRAELE DALLE MAPPE"

Gli striscioni con scritta quella frase "cancellate Israele dalla mappa del mondo" sono sempre comparse nelle riunioni dei pasdaran, le Guardie Rivoluzionarie; e da quando alle elezioni i pasdaran con un golpe freddo hanno stabilito la loro supremazia su tutti i centri di potere eletti, quella grande e speranzosa frase compare regolarmente nelle parate militari, tanto che gli addetti militari Ue, sotto l'influsso dell'egemonia sionista, hanno deciso di abbandonare per protesta qualsiasi cerimonia in cui compaia una simile scritta, cosa accaduta il mese scorso. Bene, che stiano a casa, a leccare i piedi dei supremi Robber Barons israeliti...

Tuttavia nessun presidente iraniano finora aveva proclamato pubblicamente tali giuste speranze. Ma ieri finalmente, senza remore e timori reverenziali, il pur controverso Mahmud Ahmadinejad l'ha affermato davanti al mondo intero. "Non c'è dubbio. La nuova ondata (di attacchi) in Palestina radierà questo stigma dal mondo islamico", ha detto. E ha citato Khomeini: "Come ha detto l'imam, l'entità sionista deve essere cancellata dalla mappa del mondo".
Ahmadinejad ha usato parole di fuoco anche per gli islamici che cederanno allo strapotere sionista e ha ammonito dicendo che "qualunque paese arabo osasse riconoscere il regime sionista brucerà nelle fiamme della rabbia della Nazione islamica". Parole dure, certo, ma almeno le ha dette, a differenza di tutti quei fidi portaborse che mai oseranno dire la verità o per lo meno, ciò che sanno e pensano realmente.

Possiamo immaginare le reazioni della B'nai B'rith, della ADL, e di tutte le strutture sioniste massoniche al momento del proclama del presidente iraniano. Infatti Israele ha prontamente chiesto l'espulsione immediata dell'Iran dalle Nazioni Unite[sic], e la colonia ebraica, - l'America - attraverso la Casa Bianca ha affermato di sentirsi confermata "nelle preoccupazioni che nutre nei confronti del programma nucleare iraniano". La Francia, a sua volta, ha convocato l'ambasciatore iraniano per chiedere spiegazioni.

Ma quali spiegazioni? Cosa vi deve spiegare, che Israele e l'entità sionista sono il più grande pericolo per l'Umanità? Che i più ricchi, più potenti, più manipolatori sono i big sionisti? Questo volete che vi spieghi? Ma su, andiamo, lo sanno anche le pietre, che le cose stanno così...
_________________

dal Corriere della Sera, 27/10/2005; p.6
AHMADINEJAD "CANCELLIAMO LO STATO EBRAICO"

TEHERAN - Il presidente iraniano ultraconservatore Mahmud Ahmadinejad ha affermato ieri che Israele deve essere cancellato dalla mappa del mondo e che se un paese arabo osasse riconoscerlo "brucerà nelle fiamme della rabbia della nazione islamica". Le affermazioni sono state applaudite da migliaia di studenti fondamentalisti.
_________________

dall' Herald Tribune - New York Times International -, 27/10/2005; p.1
IRANIAN SEEKS ISRAEL DESTRUCTION

Iran's conservative new president, Mahmoud Ahmadinejad, said Wednesday that Israel must be "wiped off the map" and that attacks by Palestinians would destroy it, the ISNA press agency reported.
Speaking to about 4,000 students in preparation for an annual anti-Israel demonstration on the last Friday of the holy month of Ramadan, Ahmadinejad revived the rhetoric of the early days of Iran's Islamic revolution. Page 5
_________________
kla

2 Comments:

Anonymous Anonymous said...

Hei, testa di merda... sempre a farti seghe?
Guarda che diventi cieco!

Cresci, coglione, che stai invecchiando senza saper fare un cazzo, oltre al copincolla.

E dai una ripulita al tuo blogghino di merda, forza!

Tuo cugino

3:44 PM  
Blogger vajmax said...

Non è un semplice copi-incolla, non più di quanto lo sia insultare non portando motivazioni e usando termini già utilizzati da altri. Che Israele sia simil nazista è un dato di fatto. Che gli americani le abbiano fornito armi e tecnologie atte alla guerra nucleare è un altro dato incrontovertibile. Resta da dire che la verità, anche quando espressa da uno stronzo, sempre verità resta. Semmai è lo stronzo che ci perde accostandosi a essa, a causa del contrasto.

1:03 AM  

Post a Comment

<< Home